splash
Annessi & Connessi
Per noi, i libri sono una faccenda personale. Benvenuto!
Postato da Legione il 17 Settembre 2014

http://annessieconnessi.net/you-crea-il-tuo-destino-a-grossman/

Chiunque abbia un minimo di vicinanza con il mondo videoludico si sarà chiesto un giorno quali caratteristiche dovrebbe avere il videogioco definitivo. La risposta invariabilmente sarà stata influenzata dall’ultimo titolo giocato, dal romanzo o dal film preferito, dall’ultima fantasia partorita ad occhi aperti. Austin Grossman risponde a questa domanda attraverso un romanzo dalla delicata sensibilità, [...]

 

Archivio di Marzo, 2012

Racconto di fine storia – F. Bwaffete

Postato da Legione il 29 Marzo 2012

Matteo apre gli occhi in ospedale, e non si ricorda più nulla, nemmeno di chiamarsi Matteo. Ben presto il giovane scoprirà di essere stato un efferato serial killer, un pluriomicida spietato e sadico. Nell’arco degli anni successivi scoprirà sempre più cose del suo passato, fino a rivelare la verità più sconvolgente.

Racconto di fine storia è il titolo di questo racconto del giovane autore sotto lo speudonimo Fra Bwaffete. Potremmo riassumere la nostra opinione così: questo breve romanzo senza dubbio ha verve. Sebbene bisognoso dell’intervento intelligente di un editor, questo giovane autore rivela del potenziale, creativo e stilistico.
La storia innanzitutto si fonda su un concept non originalissimo ma sempre accattivante come la perdita della memoria, declinata in un’accezione thriller piuttosto interessante. Nel complesso l’autore riesce a mantenere un ritmo serrato, mantenendo alta l’attenzione del lettore, sebbene in alcuni passaggi un po’ più movimentati la dinamica delle azioni risulta un po’ confusa.
Lo stile probabilmente costituisce il punto di svolta di questo romanzo: per quanto acerbo, l’autore dimostra un uso attento delle parole e del moto di spirito. Una storia di questo tenore poteva essere raccontata in molti modi, uno più pomposo e pretenzioso dell’altro, in virtù dei grandi classici del thrilling di consumo. Fra Bwaffete invece condisce la narrazione in strettissima prima persona con battute, considerazioni del protagonista, epiteti ed un pizzico di turpiloquo, tutto dosato in attenta misura e mai in eccesso, rendendo la lettura veloce e piacevole.

Come accennato, questa piccola opera risente un po’ dell’inesperienza dell’autore e soprattutto della mancanza di editing professionale, che avrebbe innanzitutto evitato i refusi e corretto alcune lacune di punteggiatura, ma soprattutto avrebbe rifinito l’opera, evidenziando i passaggi più problematici, da ampliare, chiarire ed approfondire, l’uso di sinonimi più ritmici (e forse anche l’abuso nella parte iniziale della parola “fottuto”).

In linea di massima però i punti deboli di quest’opera possono attribuirsi senz’altro all’inesperienza e non all’incapacità dell’autore, che invece dimostra di sapere il fatto suo, di essere uno scrittore in erba che, con un po’ di esercizio potrà raffinare il proprio stile e diventare, perchè no, un autore di tutto rispetto.

Merkavah – D. Versari

Postato da Legione il 26 Marzo 2012

Marzio è un anatomopatologo dal carattere un po’ particolare e sconclusionato, Elena è una restauratrice decisa e solare. Durante un lavoro di restauro nel Duomo di Orvieto si imbattono in qualcosa che sembra essere un mistero storico, ma che ben presto si rivelerà come un segreto arcano rimasto celato per secoli, che portato alla ribalta comporterebbe la caduta della religione occidentale così come la conosciamo.

Merkavah è l’appassionante thriller nato dalla penna di Daniele Versari. Probabilmente di primo acchito, la prima cosa che può venire in mente è quella di tentare un paragone con il best seller Il Codice da Vinci di Dan Brown. Perché a grandi linee l’intenzione di fondo può essere assimilabile e perché, allo stesso modo del celebre romanzo, anche in Merkavah si cerca di dare una spiegazione (o meglio, di illustrare una suggestiva teoria), forse poco nota ma affascinante sulla vita di Gesù.
Vogliamo fermare qui la nostra ricerca di assonanze (anche perchè Il Codice non ci è piaciuto) e andare oltre.

In quest’opera risulta evidente il grande ed accurato lavoro di documentazione che è stato svolto per rendere credibile e consistente la narrazione. Nella prima parte del romanzo sono presenti interi capitoli immersi nel passato, nei quali ci viene presentata la genesi del mistero, che verrà poi svelato in epoca moderna nella seconda parte, dove i riferimenti alle Sacre Scritture, a teorie mistiche e ai più vari documenti si sprecano per costruire un’incastellatura di teorie del tutto credibile e intrigante.

L’ottima ed inappuntabile cura riservata al contenuto “core” del romanzo, non si ritrova purtroppo anche nel resto della narrazione, svalutando di fatto l’effetto complessivo.
Un buon lavoro di editing stilistico e strutturale in questo caso sarebbe stato fondamentale per ridurre fastidiose ridondanze di termini, ad esempio, per snellire alcuni periodi arzigogolati e poco chiari, per migliorare alcuni passaggi dinamici e soprattutto per rendere meno accademici gli escursus storici.
Gran parte dei dialoghi sono piuttosto surreali ed evidenziano una fondamentale mancanza di spessore dei personaggi. Lo stesso Marzio, che all’inizio del libro è quello che viene presentato con miglior efficacia, ben presto si perde nei meandri dell’intreccio, diventando evanescente ed incolore, almeno quanto la sua compagna.

Alcune incongruenze di scena risultano evidenti ad una lettura attenta, come descrizioni troppo particolareggiate di azioni svolte al buio, volti prima paonazzi e poi pallidissimi, uomini senza vestiti che si coprono la testa con un cappuccio, e via dicendo. E’ possibile riscontrare inoltre della diffusa incertezza sul posizionamento del punto di vista narrativo, che si colloca ora su Marzio, ora su Elena, ora su entrambi, ora su un terzo personaggio ancora.

In linea generale Merkavah è un romanzo molto promettente, frutto di evidente lavoro documentale, che però difetta di di alcuni accorgimenti che un lettore esterno avrebbe individuato senza fatica e un editor professionista avrebbe corretto, migliorando sensibilmente la resa finale dell’opera.

Ti interessa questo libro? Compralo su Amazon! Merkavah

Scheda: Noia – F. Bwaffete

Postato da A&C Staff il 23 Marzo 2012

Beep non è un suono. Bepp è IL suono. Il suono che ti fa svegliare, che ti riporta alla realtà, che blocca sul nascere il tuo sogno ma, soprattutto, è il suono che ti fa desiderare di essere altrove.

l’autore

Francesco Moschini nasce a Bagno a Ripoli nel 07 gennaio 1986 e vive nella ridente Valdinievole, un comprensorio di 11 Comuni nella provincia di Pistoia. Questo suo secondo libro, intitolato “Gocce di follia” altro non è che l’insieme della quasi totalità dei microracconti a cui ultimamente ha deciso di dare seguito trasformandoli in libri veri e propri.
Trovandosi, però, di fronte a quelli riportati in questo libro non ha saputo, o non ha voluto, continuarli optando invece per una “enciclopedia di idee” raccogliendoli cioè in un unica opera per dare un senso di storie improvvisate sul momento da un fantomatico ragazzo in coda che aspetta il proprio turno. La difficoltà maggiore è stata riuscire ad inserire tutto in un unico contesto dato che ovviamente ogni storia ha un suo significato preciso ed un suo stile, essendo scritte in tempi e luoghi differenti. Prima che ve lo domandiate, ammesso che lo facciate: no, le storie non sono state riportate in ordine cronologico di “nascita”.
Vi ricordo che molte informazioni, gli altri libri ed altre opere sono reperibili gratuitamente sul sito internet:
www.bwaffetime.weebly.com

La fisica dei supereroi – J. Kakalios

Postato da A&C Staff il 22 Marzo 2012

Cari Lettori,
oggi vogliamo segnalarvi una bella recensione di un libro decisamente particolare: La fisica dei supereroi di James Kakalios. In quanti, davanti a formule e teoremi sui libri di scuola si sono sentiti sconsolati, convinti che per loro i grandi misteri della fisica sarebbero sempre rimasti, appunto, un mistero? Probabilmente in molti, considerando come in generale le materie scientifiche vengano considerate “difficili”.
Questo curioso libro si propone di rendere accattivante e semplice questa scienza, attraverso ciò che più si avvicina al mondo degli studenti: i fumetti.
Buona lettura.

Ti interessa questo libro? Compralo su Amazon! La fisica dei supereroi

Scheda: Racconto di fine storia – F. Bwaffete

Postato da A&C Staff il 21 Marzo 2012

Vi capita mai di dimenticare completamente qualcosa, una data, un avvenimento, un volto, un nome di una persona?
Avete presente quella sensazione di smarrimento che a volte si prova in questi casi cercando, poi, di scandagliare la mente collegando gli eventi per tentativo di riuscire a ricordare qualcosa?
Ecco, adesso provate solo ad immaginare di aver completamente dimenticato chi siete.
Immaginate di dover ripartire da zero con la vostra vita, con l’inconveniente, però, di essere un pazzo assassino che ha sterminato intere famiglie e che, adesso, si trova incatenato ad un letto di ospedale.
Immaginate di dover fare i conti con un passato che non riesce a riemergere domandandovi: cosa succederà quando riuscirò a ricordare? Chi sono io? Cosa sono? Un inizio aggressivo che si fatica ad accettare, a comprendere, una parte
centrale che va via via scemando fino a esplodere in tutta la sua rabbia nella parte finale del racconto, come un fuoco che fatica ad accendersi per poi divampare, mostrando le sue meravigliose fiamme dorate stagliarsi verso il cielo.
Credete che sia esagerato? Continuate a leggere.

l’autore
Francesco Moschini nasce a Bagno a Ripoli nel 07 gennaio 1986 e vive nella ridente Valdinievole, un comprensorio di 11 Comuni nella provincia di Pistoia. La prima volta che scrive qualcosa di interessante è quando frequenta le elementari e viene reso partecipe, a sua insaputa, ad un concorso il cui premio consiste nel famigerato “fiorino d’oro”. Non riesce ad arrivare al podio ma questa breve avventura lo porta a continuare a curare la sua voglia di viaggiare con la mente appuntandosi le cose importanti.
Altro successo, a carattere personale, è dato da un tema scritto alle superiori che si distingue dagli altri per i temi
ironici trattati. La sua passione di scrivere subisce una brusca frenata per qualche tempo, per poi riprendere all’improvviso portandolo a creare un proprio sito personale dove riporta quelle che sono le sue “opere” scritte in precedenza e quelle che sono le ultime creazioni. Negli ultimi tempi, infatti, si è dedicato alla creazione di microracconti che gli hanno dato lo spunto iniziale per scrivere questo libro. L’opera originale, creata su facebook ed intitolata “l’assassino, lo sbirro e il giustiziere”, è nata proprio come uno dei tanti microracconti e si è poi
sviluppata in “racconto di fine storia”. Questo libro nasce anche grazie alla collaborazione con alcuni amici, che lo hanno spronato a scrivere e lo hanno aiutato nella correzione e valutazione del libro, nella creazione della
copertina e delle illustrazioni varie (mai inserite, per adesso). Nel suo delirio di creazione Francesco si è dedicato anche alla poesia, agli articoli in stile blogger ed alla creazione delle così dette “frasi del giorno”.
Tutto questo e molte altre notizie sono riportate sul suo sito personale, dove è anche possibile leggere il libro, i vari racconti, alcune poesie, gratis e/o ordinare delle copie: www.bwaffetime.weebly.com

Scheda: Le radici del cielo – T. Avoledo

Postato da A&C Staff il 18 Marzo 2012

20 anni dopo l’olocausto nucleare Roma è una città desolata e spoglia, fatta solo di rovine. I suoi abitanti sembrano non avere più niente di umano. Il Nuovo Vaticano si è insediato nelle gallerie delle antiche catacombe di San Callisto. E’ una comunità di poche centinaia di persone, governata da un incerto equilibrio di poteri tra quel che resta della Chiesa e la spietata e corrotta famiglia Mori. Da lì vengono organizzate spedizioni verso il resto della penisola, alla ricerca di materiali e scorte alimentari, ma anche per stabilire avamposti e creare legami con le comunità locali di sopravvissuti. Padre John Daniels, all’epoca del disastro un giovane seminarista, ed ora unico membro della Congregazione per la Dottrina della Fede, meglio nota, un tempo, con il nome di Santa Inquisizione, viene convocato a sorpresa dal capo del Nuovo Vaticano, il camerlengo Ferdinando Albani, l’ultimo cardinale della Chiesa. Il Papa è probabilmente morto, anche se nessuno può esserne certo. Da allora la sede papale è vacante. Il destino della stessa Chiesa è appeso a un filo: gli equilibri di potere all’interno delle catacombe pendono sempre più a favore della componente laica del Consiglio, l’organismo di governo locale cui appartengono uomini avidi e senza scrupoli. Con la promessa di recuperare il prezioso Tesoro della Basilica di San Marco, il porporato ottiene l’autorizzazione e i mezzi per una spedizione al Nord, nell’antica città di Venezia. In realtà lo scopo è tutt’altro. Un recente viaggio ha riportato la notizia di una comunità che vive nella città dei Dogi, della quale farebbe parte il Patriarca. A Daniels viene chiesto di riportare l’alto prelato a Roma per poter convocare un Concilio ed eleggere finalmente un nuovo Papa. Il destino del Nuovo Vaticano dipende dal successo della spedizione. Nessuno ha mai tentato prima un viaggio così lungo, in un ambiente divenuto ostile: gelido, radioattivo, battuto da creature incomprensibili e mortali. Accompagnato nella sua impresa da sette “Guardie Svizzere” capitanate dall’ex legionario Marc Durand, più vicine alle guardie Variaghe dell’Imperatore di Bisanzio che ai giovani elvetici dalla faccia pulita che popolavano gli angoli del Vaticano prima del Giorno del Giudizio, il giovane sacerdote parte alla volta di Venezia, per un viaggio costellato di pericoli e di strani ed eccitanti incontri.

Le radici del cielo è il primo spin off italiano ispirato all’Universo del romanzo russo Metro 2033, opera prima e caso letterario del giovane scrittore Dmitry Glukhovsky. Con il realismo descrittivo e il gusto per l’avventura che lo contraddistinguono, Avoledo è autore ancora una volta di una storia appassionante ed intensa, ricca di sfaccettature diverse e dal finale inaspettato: zombie e creature immonde, fede e spiritualità, bene e male, passione e morte…

L’autore
TULLIO AVOLEDO è nato a Valvasone, in Friuli, nel 1957. Dopo aver fatto diversi mestieri, fra cui il copywriter e il giornalista, ha esordito in letteratura con il romanzo fiume L’elenco telefonico di Atlantide (Sironi Editore, 2003) che ha ottenuto un lusinghiero successo di critica e di pubblico, diventando immediatamente un caso letterario. Da allora la sua penna non si è più fermata.

Del seme più forte – S. di Stasio

Postato da Legione il 15 Marzo 2012

Del seme più forte è una breve raccolta di 15 racconti scritti da Stefano di Stasio. Si può dire che il fil rouge di questi stralci di vita sia rappresentato dalla forza necessaria per sopravvivere, nelle sue molteplici forme, sia per l’essere umano immerso nelle piccole e grandi disgrazie urbane del nostro tempo, sia da un inedito punto di vista animale, sia nelle situazioni più estreme, da un capo all’altro del pianeta, nei luoghi più insoliti.
C’è molta varietà in questi racconti, ad esempio nei vari punti di vista del narratore (che in linea di massima però o è una terza persona esterna ed onniscente o è posizionato nella prima persona del protagonista) e nello stile, sebbene in generale il tono resti sempre piuttosto fermo e sostenuto, senza lasciar trasparire particolari emozioni.
Questa caratteristica, unita al fatto che alcuni racconti non trattino vicende particolarmente avvincenti, che anzi spesso lasciano il lettore un po’ interdetto, rendono l’immedesimazione nei personaggi molto limitata.
Come detto, le tematiche sono molto diverse tra loro, ma è possibile individuare alcuni schemi che si ripetono, incentrati prima di tutto nel solo protagonista, al punto che i personaggi secondari, se presenti, hanno ruoli assolutamente marginali e senza spessore.
Possiamo quindi dire che questa raccolta di racconti costituisca una lettura poco impegnativa e piacevole, sebbene in alcune occasioni un po’ di editing in più sarebbe stato auspicabile.

Metro 2033 – D. Glukhovsky

Postato da Legione il 12 Marzo 2012

Anno 2033, Mosca. A seguito di un oscuro conflitto di proporzioni mondiali, l’umanità così come la conosciamo si è rintanata nella metropolitana e lì, tra stazioni e gallerie oscure, ha cercato di ricostruirsi e di sopravvivere. In questo clima di precarietà e paura continua, il giovane Artyom si troverà ad affrontare un viaggio attraverso la metropolitana e le sue insidie, scoprendone misteri e leggende, e scoprendo anche una insospettabile verità sul loro futuro.

Metro 2033 di Dmitry Glukhovsky è probabilmente uno di quei romanzi di genere che sono diventati non solo dei best seller ma che hanno tracciato un vero e proprio solco, ideale o ideale, come in questo caso.
Questo romanzo infatti costituisce il fulcro di un ambizioso progetto multimediale ed internazionale. L’autore non solo ha commissionato una colonna sonora per il suo romanzo ed una serie di dipinti, oltre che aver promosso la realizzazione di un videogioco omonimo, ma ha dato il via a Metro 2033 Universe, consentendo a scrittori di ogni parte del mondo di sviluppare la propria versione locale della storia, dando respiro mondiale a questo scenario distopico.

Senza dubbio questo romanzo possiede tutte le carte in regola per essere considerato indispensabile per tutti gli amanti del genere fantascientifico post apocalittico, e l’autore ne è assolutamente consapevole. E’ un’opera monumentale, che disegna una visione angosciante di umanità costretta a vivere sottoterra, in un sistema di gallerie e tunnel che per quanto vasto mantiene la sensazione di claustrofobia opprimente e di continuo pericolo.
Tutte le implicazioni di questo assunto iniziale sono rispettate e declinate in ogni forma: sociale, culturale, politica, economica, psicologica, medica, alimentare. Insomma, questo mondo distopico è ricco di ogni sfumatura, vero, tangibile ed emozionante.
Quello che forse lascia un po’ perplessi è invece la trama specifica di questo romanzo, ovvero la storia di Artyom, ragazzo moscovita nato in superficie, disceso nella metro in tenera età e ben presto rimasto orfano, che dovrà affrontare un pericoloso viaggio attraverso tutta la rete metropolitana, dapprima a compiere una missione affidatagli e successivamente a scoprire un modo per proteggere la sua stazione e l’intera comunità sotterranea dai violenti attacchi delle creature mutanti che sono sopravvissute in superficie.
Questa vicenda, di per sè, è piuttosto banaluccia. Senza dubbio risulta funzionale allo scopo più grande dell’autore, ovvero mostrare la società di sopravvissuti e gettare le basi di questo mondo sotterraneo, ma come intreccio è abbastanza povero, segue uno schema prevedibile (che ricorda molto da vicino quello dei videogiochi), l’introspezione dei personaggi è quasi assente, salvo poi assumere le dimensioni di uno sproporzionato rigurgito quando presente; lo stesso finale, risolutivo sebbene aperto, assume dettagli abbastanza inverosimili.

Tutto sommato quindi possiamo dire che Metro 2033 costituisce senza dubbio un’esperienza particolare e piuttosto evocativa, che consigliamo a tutti gli amanti del genere per una lettura interessante e di facile fruizione, e che sarà spunto per più di una riflessione anche sul nostro modo di vivere moderno, valorizzando ed impreziosendo aspetti che per noi ora sono gesti quotidiani e privi di valore.

Ti interessa questo libro? Compralo su Amazon! Metro 2033